Francesco M. Boni Artist Manager, FMB Globo Arte e FMB Art Gallery sono marchi registrati

I contenuti presenti su francescomboni.com dei quali è autore il proprietario del sito non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Disclaimer

Note Legali

Via della Balduina 120/1

00136 Roma, Italia

Tel. +39 397 1083988

 

contact@francescomboni.com

info@fmbartgallery.com

  • Facebook
  • Instagram
  • Twitter
  • Tumblr
  • LinkedIn

Official Partners 

SpazioCima

Official Sponsor 

Elitario streetwear elegante

Luisiano Schiavone

  • Facebook
  • Instagram
  • Twitter
  • Google+
  • Pinterest
  • Tumblr

Pittura, scultura

 

 BIO 

Dopo aver conseguito la maturità artistica (liceo artistico "E. Simone " ) e successivamente la laurea alla Accademia di Belle Arti di Lecce , l'artista mostra da subito una predisposizione pittorica per l'informale e l'espressionismo astratto. Collabora con altri artisti in numerose mostre .

 

Nella collettiva We are moving (1996) allo spazio Arte e dintorni di Bari , che raggruppa alcuni  studenti di varie accademie italiane, partecipa come artista rappresentante il corso di pittura (1) dell'Accademia salentina.

 

Nel 2014 realizza due tele per il film " I NOSTRI RAGAZZI " del regista Ivano De Matteo dove esegue i ritratti dei protagonisti , gli attori Alessandro Gassman e Barbora Bobulova.


Negli ultimi anni l'artista si proietta in un linguaggio pittorico introspettivo utilizzando la rappresentazione del figurativo alternandosi con l'informale. Come nel libro " Aut Aut " di Kierkegaard, Schiavone si pone il quesito della scelta fra l'essere etico e l'essere estetico; esplorando, pittoricamente e psicologicamente, queste due caratteristiche fondamentali dell'uomo.

 

La frase : " ...Di chi è lo sguardo che guarda con i miei occhi?
Quando penso che vedo, chi continua a vedere mentre sto pensando? ..." Cit. Fernando Pessoa diviene la massima, la regola o chiave di lettura nel momento in cui il fruitore si pone davanti a un suo dipinto.

After obtaining the artistic maturity (artistic high school "E. Simone") and subsequently the degree at the Academy of Fine Arts of Lecce, the artist immediately shows a pictorial predisposition for the informal and the abstract expressionism. Collaborate with other artists in numerous exhibitions.

 

In the collective We are moving (1996) at the Art and surroundings area of ​​Bari, which brings together some students from various Italian academies, he participates as an artist representing the painting course (1) of the Accademia salentina.

 

In 2014 he made two canvases for the film "I NOSTRI RAGAZZI" by the director Ivano De Matteo where he made portraits of the protagonists, the actors Alessandro Gassman and Barbora Bobulova.


In recent years the artist has projected himself into an introspective pictorial language using the representation of the figurative alternating with the informal. As in the book "Aut Aut" by Kierkegaard, Schiavone poses the question of the choice between ethical being and aesthetic being; exploring, pictorially and psychologically, these two fundamental characteristics of man.

 

The phrase: "... Whose gaze is it with my eyes?
When I think I see, who keeps seeing while I'm thinking? ... "Cit. Fernando Pessoa becomes the maxim, the rule or key to reading when the viewer stands before one of his paintings.

Pasquale Andrea Divella

 [Nh3 fuck*n' fashion]

 Project - Testo critico 

L’artista, che fa suoi gli insegnamenti di Egon Schiele per il segno, dell’Informale Materico per la materia e di Paul Gauguin per il colore, propone tre tipi di percorsi. La sua collezione di “Corpi” sono figure totalmente astratte: sembrano quasi planimetrie, un risultato dato dallo studio della materia e alla sua trasformazione nel tempo. Col tempo l’artista ha così individuato il minimo comun denominatore tra un oggetto studiato al microscopio e una veduta aerea. Una scoperta fatta di segni, intese come piccole particelle costituenti un corpo. Un corpo che, quindi, diventa astratto, forma figurativa da interpretare, una nuova realtà. Per la materia, invece, reinterpreta in alcune tele il concetto di “Sincronicità”, in cui le materie casuali creano nuovi equilibri. Nei suoi “Ritratti”, invece, è il colore a prevalere: pennellate calde e intense per volti mai in posa, mai simmetrici, in una stasi perenne di movimento apparente. L’artista ama i difetti, che esalta e mai appiattisce, consapevole che questi siano il primo elemento a renderci unici e veri.

 

 Segno e corpi, colore e ritratti, materia e sincronicità: l’artista, in questa sua ricerca personale artistica, li rende tutti soggetti al tempo e allo spazio, e a come queste due categorie d’essere modifichino la percezione stessa delle cose, creando nuove angolazioni e rinnovate forme.

 

The artist, uses the teachings of Egon Schiele for the sign, of the Materic Informal for the material and of Paul Gauguin for the color, proposes three types of paths. His collection of "Corpi" (Bodies) are totally abstract figures: they seem almost planimetries, a result given by the study of matter and its transformation over time. Over time the artist has identified the minimum common denominator between an object studied under a microscope and an aerial view. A discovery made of signs, understood as small particles constituting a body. A body that, therefore, becomes abstract, a figurative form to be interpreted, a new reality. For the material, instead, reinterprets in some canvas the concept of "Sincronicità" (Synchronicity), in which the random subjects create new balances. In his “Ritratti” (Portraits), instead, it is color that prevails: warm and intense brushstrokes for never posing faces, never symmetrical, in a constant stasis of apparent movement. The artist loves flaws, which he exalts and never flattens, aware that these are the first element that makes us unique and true.

 

Sign and bodies, color and portraits, matter and synchronicity: the artist, makes them all subject to time and space, and how these two categories of being change the perception of things, creating new angles and renewed forms.

Pier Paolo Piscopo

 

 Curriculum 

Titolo di studio :

LICEO ARTISTICO  EDGARDO SIMONE Brindisi

ACCADEMIA DI BELLE ARTI Lecce   

Solo:  2019 / Olio su Latta / Masseria Li Foggi / Gallipoli,  (LE) / Italy

 

Group: 2019 / ArtRooms Fair 2019 / The Church Palace / Rome / Italy

Solo: 2018 / movie: ‘ Villetta con ospiti ‘ director Ivano De Matteo

Group: 2018 / CITOFONARE:'ARTE' 4 artists, 4 rooms - Collettiva / Temporary Gallery / Rome / Italy

Group: 2018 / CASAMIA - Collettiva / Temporary Gallery / Rome / Italy

Group: 2018 / SINCRONISMO ASTRATTO / SpazioCima / Rome / Italy

Solo: 2018 / 'LUISIANO SCHIAVONE' / Galleria SpazioCima / Rome / Italy

Group: 2018 / Speciale evento OUVERTURE / Galleria SpazioCima / Rome / Italy

Solo:  2018 / Olio su Latta / Masseria Li Foggi / Gallipoli,  (LE) / Italy

Group: 2017 / 'Art Collection' 8 Artisti in un unica rassegna / SpazioCima / Rome / Italy

Solo: 2017 / Olio su Latta / Masseria Li Foggi / Gallipoli,  (LE) / Italy

Solo: 2017 / Camera d'artista / Masseria Don Cirillo / Torre San Giovanni, Ugento (LE) / Italy

Solo: 2016 / Mostra personale tra pittura e arte culinaria / Gustavo / Galatone (LE) Italy

Solo: 2014 / movie: ‘ I NOSTRI RAGAZZI ‘ director Ivano De Matteo

Group: 1997 / Pittura:Collettiva / Accademia di Belle Arti / Lecce / Italy

Group: 1996 / Incisione: Semiotica nell'arte Collettiva / Accademia di Belle Arti / Lecce / Italy

Group: 1996 / Il sacro nell'arte contemporanea / ex seminario Arcivescovile / Lecce / Italy

Group: 1996 / Expo Arte Collettiva / Fiera di Bari / Bari / Italy

Group: 1995 / Tecniche pittoriche / Accademia di Belle Arti / Lecce / Italy

Group: 1994 / Arte nel centro storico / Loggia Balsamo / Brindisi / Italy

Group: 1993 / Sagra dei pittori all'ombra delle colonne romane / ex seminario Arcivescovile / Brindisi / Italy

Group: 1992 / Collettiva / Liceo artistico / Brindisi / Italy

 
Francesco M. Boni Artist Manager logo